EPTRI – European Paediatric Translational Research Infrastructure

EPTRI – European Paediatric Translational Research Infrastructure 2018-08-22T08:43:07+00:00

Sito

www.eptri.eu

Ruolo del CVBF

Coordinatore

Descrizione

Il progetto ID-EPTRI, coordinato da CVBF e finanziato nell’ambito del Programma Quadro europeo H2020-INFRADEV-01-2017, ha come obiettivo quello di creare il framework per una nuova infrastruttura di ricerca (IR) volta a potenziare la ricerca pediatrica a partire dalle prime fasi di sviluppo di un farmaco (discovery and early development phases).

Il progetto nasce dalla necessità di superare il problema della carenza di farmaci approvati per l’uso pediatrico sia a livello europeo che mondiale e di proporre modelli di sviluppo per tali farmaci integrando l’innovazione tecnologica nelle attività di ricerca. L’interesse per la Pediatria era stato già evidenziato nel documento ESFRI Roadmap 2016 (http://www.esfri.eu/sites/default/files/20160309_ROADMAP_browsable.pdf) in cui era stata sottolineata la necessità di includere una IR pediatrica nello scenario della ricerca europea.

EPTRI agirà in modo complementare alle IR presenti in campo biomedico per colmare il gap esistente nello sviluppo di farmaci per bambini. La nuova IR rappresenterà un “centro di supporto pediatrico” nello scenario delle IR riconosciute dall’ESFRI (BBMRI, EATRIS, ECRIN) per favorire l’efficienza e la produttività di attività di ricerca pediatriche rafforzando la collaborazione con la comunità scientifica.

Il risultato finale del progetto sarà la preparazione di un Conceptual Design Report per la realizzazione dell’infrastruttura EPTRI che descriverà i requisiti scientifici e tecnici, nonché i componenti chiave della nuova infrastruttura.

La preparazione di questo report si articolerà in tre fasi.

Durante la prima fase, che verrà a sua volta suddivisa in 5 aree tecnico/scientifiche (1- Discovery di farmaci pediatrici, 2- Bio-marcatori, 3-Farmacologia Pediatrica, 4 Formulazione Farmaceutica, 5-Sostegno di Studi Pediatrici), si effettuerà una Context Analysis per valutare come la nuova IR viene percepita e quali sono gli eventuali gap da superare, indagando tra la comunità scientifica, le autorità nazionali di riferimento, e molti altri Stakeholders.

Durante la Operational phase, saranno individuati i componenti necessari alla creazione della nuova infrastruttura, quali modelli di governance, strategie di collaborazione con le autorità nazionali e le esistenti IR, modelli di IT, servizi che saranno forniti e business plan.

Durante il secondo anno di progetto verrà proposta una Feasibility phase per sviluppare servizi virtuali allo scopo di simulare le attività della nascente infrastruttura che agirà come “one-stop-shop” al servizio della pediatria allo scopo di:

  • supportare i ricercatori in numerose aree metodologiche,
  • promuovere l’innovazione tecnologica in ambito accademico e clinico,
  • condurre sperimentazioni che effettivamente favoriscono lo sviluppo dei medicinali per i bambini,
  • aumentare l’impatto globale della ricerca europea anche a favore dei bambini e dei giovani.

Fondi

Programma Quadro Europeo per la Ricerca e l’Innovazione Horizon 2020

Budget

3,072 milioni di euro

Contributo UE

3,00 milioni di euro

Periodo

2 anni

Partners

(1) Consorzio per Valutazioni Biologiche e Farmacologiche (CVBF), Italia; (2) Fondazione PENTA – For the treatment and care of children with HIV – ONLUS (PENTA), Italia; (3) European Infrastructure for Translational Medicine (EATRIS ERIC), Paesi Bassi; (4) University College London (UCL), Regno Unito Kingdom; (5) ATHENA Research and innovation center in information communication & knowledge technologies (ATHENA), Grecia; (6) Biobanks and BioMolecular resources Research Infrastructure Consortium (BBMRI-ERIC), Austria; (7) The Cyprus foundation for muscular dystrophy research (CING), Cipro; (8) Assistance Publique – Hopitaux de Paris (AP-HP), Francia; (9) Stichting Katholieke Universiteit (RUMC), Paesi Bassi; (10) The University of Liverpool (ULIV), Regno Unito;  (11) Romanian Angel Appeal Foundation (RAA), Romania; (12) Instytut Pomnik Centrum Zdrowia Dziecka (IPCZD), Polonia; (13) Ospedale Pediatrico Bambino Gesù (OPBG), Italia; (14) Fyziologicky Ustav Akademie ved Ceske Republiky Verejna Vyzkumna Instituce (IPHYS), Repubblica Ceca; (15) Fundacio Sant Joan de Deu (FSJD), Spagna; (16) Nizhegorodskiy Gosudarstvenniy Universitet Im N.I. Lobachevskogo (UNN), Russia; (17) Servicio Madrileno de Salud (SERMAS-HULP), Spagna; (18) European Clinical Research Infrastructure Network (ECRIN-ERIC), Francia; (19) Qendra Spitalore Universitare Nene Tereza Tirane (UHCT), Albania; (20) TECHNION – Israel Institute of Technology (TECHNION), Israele; (21) Tartu Ulikool (UTARTU), Estonia; (22) Universitatsklinikum Erlangen (UKER), Germania; (23) Swiss Clinical Trial Organisation Verein (SCTO), Svizzera; (24) Vastra Gotaland Lans Landsting (VGR), Svezia; (25) Universitair Medisch Centrum Utrecht (UMCU), Paesi Bassi; (26) State “Institute of Pediatrics Obstetrics and Gynecology National Academy of Medical Sciences of Ukraine” (UKR), Ucraina.

Altre organizzazioni associate al progetto

Potenziali partners

University Medical Center Utrecht (UMCU), Paesi Bassi.

Terze parti coinvolte nel progetto

Fondazione per la Ricerca Farmacologica Gianni Benzi Onlus “FGB”, Italia (terza parte del CVBF); TEDDY European Network of Excellence for Paediatric Clinical Research, Italia (terza parte del CVBF); Azienda Ospedaliero Universitaria Consorziale Policlinico di Bari, Italia (terza parte del CVBF); Università di Bari Aldo Moro “UNIBA”, Italia (terza parte del CVBF); Università degli Studi di Milano-Bicocca, Italia (terza parte di BBMRI); Fundación para la Investigación Biomédica del Hospital Universitario La Paz, Spagna (terza parte di SERMAS-HULP); Consorzio per Valutazioni Biologiche e Farmacologiche – Dege e shoqerise se huaj “CVBF-AL”, Albania (terza parte di UHCT); Technion Research & Development Foundation Ltd. (“TRDF”), Israele, (terza parte di TECHNION).

Organizzazioni a supporto

Arthritis and Rheumatism Association Malta (ARAM), Malta; Asociación Española de Pediatría (AEP), Spagna; Associação Nacional de Displasias Ósseas (ANDO) Portogallo; Childhood Cancer International (CCI), Paesi Bassi; Cyprus Institute of Neurology and Genetics, Cipro; Department of Paediatric Neurology, University Children’s Hospital Ljubljana, Slovenia; European Network for Rare and Congenital Anaemias (ENERCA), Spagna; Eurordis, Rare Disease Europe, Francia; Foundation MÁS QUE IDEAS, Spagna; Foundation of child neurology, Slovenia; Fundaciòn ALPE acondroplasia, Spagna; Greek Carers Network – EPIONI, Grecia; LIFE (ZIVOT) – Organization for children rare diseases, Serbia; Norwegian Melanoma Patient Association (Foflekkreftforeningen), Norvegia.